• Chapitres de livre,  Livres

    La digitalizzazione del lavoro: sguardi globali, nuove forme e nuovi attriti, impatto sul lavoro sociale

    Abstract

    La digitalizzazione è uno degli aspetti più evidenti e decisivi per analizzare e comprendere le trasformazioni del nostro tempo. Un processo che investe tutti gli aspetti dell’esistenza quotidiana, a partire dalla definizione di vecchie e nuove forme di produzione, distribuzione e consumo. Questo e-book indaga in termini polifonici e multi-disciplinari alcuni aspetti salienti di questi temi, proponendo una raccolta di contributi che spaziano dalle nuove dimensioni assunte dalla fabbrica alle inedite forme di mobilità digitalizzata, passando per le mobilitazioni che si stanno producendo nelle piattaforme e i nuovi profili di cittadinanza che queste prefigurano, sino ad approfondire come questi elementi impattino il lavoro sociale. Grazie al contributo di esperte ed esperti e a una serie di incontri che hanno messo in dialogo la ricerca con il mondo del lavoro, il volume si propone come un inquadramento per comprendere cosa accade con la digitalizzazione del lavoro e come una serie di spunti per futuri approfondimenti.

    Indice

    1. Prefazione
      Spartaco Greppi
    2. Introduzione
      Niccolò Cuppini e Maël Dif-Pradalier
    3. La Fabbrica-rete e il nuovo-vecchio lavoro: alienazione, sussunzione e pluslavoro
      Lelio Demichelis
    4. Nuovi modi di mobilità umana: gig economy e lavoro sulle piattaforme
      Alice Baudino e Ivan Ureta Vaquero
    5. Mobilitazioni sulla frontiera della digitalizzazione del lavoro: il caso dei riders tra Berna e l’Europa
      Jean-Michel Bonvin, Nicola Cianferoni, Niccolò Cuppini, Maël Dif-Pradalier, Luca Perrig
    6. Della platform economy, delle competenze e della cittadinanza: spunti e scenario del progetto europeo PLUS in tempi di pandemia
      Filippo Bignami
    7. Il lavoro sociale in connessione all’epoca della digitalizzazione. Conversazioni fra ricerca e pratica sociale
      Gregorio Avilés, Fabio Lenzo, Claudio Mustacchi, Anja Gafner, Danuscia Tschudi
    8. Economia, genealogia e conflitti del capitalismo delle piattaforme
      Antonio A. Casilli

    Download

    È possibile scaricare l’e-book completo attraverso i seguenti link: Repository SUPSI
    repository.supsi.ch/12158/

    Zenodo
    doi.org/10.5281/zenodo.4301607

    L’opera è rilasciata con licenza Creative Commons Attribuzione – Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Per leggere una copia della licenza visita il sito web https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0/.

    Fonte: https://www.supsi.ch/lws/ricerca-applicata/ebook-digitalizzazione-del-lavoro.html

  • Conférences

    Le mobilitazioni dei riders per l’ottenimento di tutele sociali

    Mercoledì 27 marzo, ore 14.00 – Aula 210, Palazzo E
    Scuola universitaria professionale della Svizzera itaiana (SUPSI)
    Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale

    Presentazione della conferenza:

    Nel corso degli ultimi dieci anni un mercato del lavoro informale e privo di diritti si è sviluppato nel settore della logistica con l’arrivo delle piattaforme digitali come Uber o Foodora. Il loro modello commerciale suscita scalpore perché è basato su una protezione sociale assente o limitata per i lavoratori e le lavoratrici. In Svizzera, la consegna in bicicletta di pasti o pacchi non soltanto è un esempio di queste nuove realtà, ma anche l’illustrazione di come la mobilitazione di diversi attori del settore (riders, sindacati e datori di lavoro già presenti sul mercato) siano all’avanguardia nell’ottenimento di tutele sociali e nell’instaurazione di un dialogo sociale. I relatori ne presenteranno una breve panoramica basandosi sui dati prodotti dal progetto di ricerca Gig economy and its Implications for Social Dialogue and Workers’ Protection finanziato dallo Swiss Network for Internatinal Studies (SNIS).

    Scaricare la locandina cliccando qui.

  • Non classé

    The bike couriers mobilizations for social protection

    Mercoledì 27 marzo, ore 14.00 – Aula 210, Palazzo E
    Scuola universitaria professionale della Svizzera itaiana (SUPSI)
    Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale

    Presentazione della conferenza:

    Nel corso degli ultimi dieci anni un mercato del lavoro informale e privo di diritti si è sviluppato nel settore della logistica con l’arrivo delle piattaforme digitali come Uber o Foodora. Il loro modello commerciale suscita scalpore perché è basato su una protezione sociale assente o limitata per i lavoratori e le lavoratrici. In Svizzera, la consegna in bicicletta di pasti o pacchi non soltanto è un esempio di queste nuove realtà, ma anche l’illustrazione di come la mobilitazione di diversi attori del settore (riders, sindacati e datori di lavoro già presenti sul mercato) siano all’avanguardia nell’ottenimento di tutele sociali e nell’instaurazione di un dialogo sociale. I relatori ne presenteranno una breve panoramica basandosi sui dati prodotti dal progetto di ricerca Gig economy and its Implications for Social Dialogue and Workers’ Protection finanziato dallo Swiss Network for Internatinal Studies (SNIS).

    Scaricare la locandina cliccando qui.